sabato 29 agosto 2015

Vende penne con la figlioletta in braccio. Lo fotografano e gli arrivano 100mila euro






La vita gli regala una seconda opportunità: il tutto grazie ad una semplice foto.
E' la storia, a lieto fine, di Abdul, padre single di Beirut, che pur di dare qualcosa da mangiare ai suoi due bambini vendeva bic per le strade della capitale libanese. La piccola Reem, quattro anni, in braccio, un altro figlio di 9 anni a casa e sul volto l'espressione di un uomo disperato, ma pronto a tutto per cercare di sopravvivere. Quella foto è stata retwittata da un attivista islandese, Gissur Simonarson, e ha fatto il giro del web. Per ritrovare l'uomo che vendeva le bic è stato coniato un apposito hashtag: "Buy Pens". Ventiquattro ore dopo, Abdul e sua figlia erano stati identificati, per loro era nata una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Indiegogo, e per loro sono stati raccolti 116mila dollari, oltre 100mila euro. Simonarson non si è fermato, e ha fatto sapere di essersi messo in contatto con l'Unicef per sollecitare un aiuto per Abdul e i suoi figli. Perché a volte il lieto fine non appartiene solo alle favole.








mercoledì 26 agosto 2015

È morta la Dust lady donna simbolo dell 11 settembre, chiamata "La lady della cenere"






NEW YORK - Fu soprannominata Dust Lady e la sua immagine divenne un emblema del dramma dell'11 settembre.
La foto che la ritrae ricoperta di cenere è uno dei simboli dell'11 settembre. Marcy Borders, ribattezzata appunto Lady Cenere per quello scatto di Stan Honda dell’agenzia Afp, è morta lunedì, all'età di 42 anni.


Si è spenta per un tumore allo stomaco, provocato - affermava - dalle polveri respirate quel maledetto giorno in cui i due Boeing si schiantarono contro le Torri Gemelle di New York provocando la morte di oltre 2.000 persone. Marcy Borders si trovava all'81esimo piano della della Torre nord del World Trade Center. Riuscì miracolosamente a salvarsi, buttandosi di corsa per le scale. Lavorava per la Bank of America ma quel giorno cambiò per sempre la sua vita: prima l’alcolismo e poi il cancro allo stomaco.

martedì 18 agosto 2015

Bimbo appena nato trovato morto in casa dai carabinieri, la madre era andata in ospedale per un malore







Un bimbo morto appena partorito è stato trovato in una casa di Montepaone, nel catanzarese. La madre del bimbo, dopo il parto in casa, si è presentata in ospedale per un malore. I medici hanno capito che la donna aveva appena partorito ed hanno allertato i carabinieri. Giunti nella casa i carabinieri hanno scoperto il neonato morto.

I genitori del bambino trovato morto dopo il parto in un’abitazione di Montepaone vengono sentiti dai carabinieri della Compagnia di Soverato, che hanno avviato le indagini sull’accaduto.
Nell’abitazione della coppia, i militari stanno effettuando una serie di accertamenti scientifici per ricostruire l’accaduto. Sul posto è giunto anche il medico legale che sta effettuando una prima ricognizione esterna sul cadavere del neonato. Il pm di turno della Procura della Repubblica di Catanzaro è stato informato dell’accaduto e sta dirigendo adesso le indagini dei carabinieri.
Il cadavere è stato scoperto dopo che i medici dell’ospedale di Soverato hanno segnalato ai carabinieri che la madre aveva partorito e si era presentata nel nosocomio per un malore.

Sarà l’autopsia a stabilire le cause del decesso del neonato trovato morto in casa dopo il parto a Montepaone.
L’esame autoptico dovrà accertare se il bambino è nato già morto, se è stato lasciato morire o se sono state compiute violenze provocandone il decesso.
I carabinieri, intanto, stanno sentendo i genitori del neonato per ricostruire nel dettaglio la dinamica di quanto è accaduto. La donna, secondo una prima ricostruzione fatta dai carabinieri, si è presentata in ospedale per un malore ed i medici hanno scoperto che aveva appena partorito. I sanitari hanno subito allertato i carabinieri che giunti nell’abitazione della coppia hanno trovato il cadavere del bambino appena partorito.

Lascia un messaggio sulla ricevuta a due clienti: cameriera va su Fb e riceve una sorpresa






NEW YORK - Il gesto cortese di Liz Woodward, cameriera del New Jersey, ha avuto seguito ed è stato ben ripagato. La giovane ha offerto la colazione a due vigili del fuoco durante il suo orario di lavoro perché commossa dalla fatica spesa da entrambi nello spegnere un incendio. Il giorno dopo ha ricevuto una sorpresa su Facebook.
I pompieri Tim Young e Paul Hullings, infatti, avevano da poco finito un turno di 12 ore ed avevano lottato per spegnere un incendio nella notte. Quando sono andati a pagare il conto al bar, sulla ricevuta hanno trovato unmessaggio di Liz che offriva loro la colazione. Tim ha raccontato l'evento su Facebook:

"Un atto altruistico e gentile che merita attenzione. Esorto i miei amici ad andare in questo bar e sostenere l'attività di questa ragazza". L'aiuto richiesto per questa ragazza è diventato un sostegno per il suo papà, tetraplegico e paralizzato da cinque anni. Liz aveva istituito una pagina di raccolta fondi per comprargli una sedia a rotelle idonea. L'appello dei vigili del fuoco ha attirato numerose donazioni.
Nel giro di pochi giorni Liz ha raccolto più di 70mila dollari.

"Tutto quello che ho fatto è stato offrire loro la colazione. Non mi aspettavo qualcosa di più di un sorriso. - ha raccontato Liz - Questo dimostra che basta essere gentili e che anche il più piccolo gesto può cambiare una vita".



Fonte: il mattino.it


lunedì 17 agosto 2015

Video emozionante: La storia di Cody/VIDEO









Cody è nato prematuro, di 7 mesi a causa di complicanze gestazionali, i medici non diedero a Cody grandi prospettive di vita e dissero ai genitori che non ce l’avrebbe fatta…

Ma Cody andò oltre…

Purtroppo mentre Cody cresceva, le sue gambe non fecero lo stesso e i medici optarono per l’amputazione, e a 15 mesi i medici gliele rimossero.

Ma Cody andò oltre…

Cody subì ben 20 interventi diversi e dovette adattarsi a 13 diversi tipi di articolazioni artificiali, ogni volta ricominciare tutto, ogni volta cercare di farcela….

Ma Cody, ad ogni nuova sfida, andava oltre e superava tutti gli ostacoli che la vita gli parava davanti. Il video della sua storia è emozionante e pieno di significato: mai arrendersi, bisogna sempre trovare la forza per andare oltre, per andare avanti per sconfiggere la negatività e abbracciare i pensieri positivi.

E se ce l’ha fatta Cody… significa che ce la possiamo fare tutti, basta volerlo, basta cercare la forza per proseguire.

Guardate questo video e assaporatene la forza e la determinazione di un bimbo al quale la vita non ha dato molto ma che oggi ha 10-11 anni e non si è arreso, e non credo che si arrenderà mai.




VIDEO EMOZIONANTE NON serve traduzioni/VIDEO/GUARDA









Un litigio con il fidanzato, le lacrime di una ragazza e un campanello che suona. Ma lei non puo sentirlo perchè è SORDOMUTA.
Allora il padre inventa un dispositivo affinchè torni a sorridere. Nel frattempo, il fidanzatino risuona alla porta, e..
Lo spot realizzato dalla ProMart Homecenterha vinto il Leone d'argento a Cannes


Prova a non piangere... militari che tornano a casa/VIDEO









Momenti di gioia che ci fanno capire e apprezzare ancor di più quanto la maggior parte di noi sia davvero fortunata ad averli sempre accanto e quanto dovremmo ringraziare tutti coloro che si impegnano affinchè ognuno di noi possa continuare a vivere una vita serena ….le parole non servono.

martedì 11 agosto 2015

JULIO POLIZIOTTO PER UN GIORNO A 5 ANNI/VIDEO









"Una macchinina della polizia". Era un desiderio semplice quello espresso dal piccolo Julio, 5 anni, originario di Santo Domingo, ai volontari di Make-A-Wish Italia, la onlus con sede a Genova che dal 2004 opera su tutto il territorio nazionale per realizzare i sogni di bambini gravemente malati. Quel desiderio non solo è diventato realtà, ma si è trasformato in un'esperienza indimenticabile perché Julio, in Italia da circa un anno e mezzo per curare un neuroblastoma, grazie alla Polizia stradale di Genova per un giorno è diventato un poliziottoed, accompagnato dai suoi nuovi colleghi nella centralissima Piazza de Ferrari, oltre al regalo agognato è potuto montare sun una Lamborghini della Polizia di Stato, che ha come impegno principale quello del trasporto urgente di organi.
Una sorpresa davvero inaspettata per Julio, attualmente in cura presso il reparto di oncologia dell'ospedale Gaslini. "La sua gioia, i suoi occhi, sono stati alla fine un grandissimo regalo che lui ha fatto a noi. Indimenticabile", racconta Alessandra Bucci, dirigente della Polizia stradale del capoluogo ligure. "Da anni ormai - prosegue - la nostra mission si è spostata anche tra i banchi delle scuole di ogni ordine e grado. Iniziamo dagli asili a cercare di spiegare ai giovani guidatori di domani i primi rudimenti dell´educazione stradale. Siamo perciò abituati a rapportarci con i più piccoli ma questa volta è stata davvero speciale: il desiderio di Julio era chiaro e preciso ed a noi non restava altro da fare che essere noi stessi, con lui al nostro fianco".


INDIANAPOLIS, POLIZIA UCCIDE UN RAGAZZINO 15ENNE NERO: NON SI ERA FERMATO ALLO STOP






La polizia ha ucciso a colpi di arma da fuoco un ragazzo afroamericano di 15 anni, Andrew Green.

E' successo a Indianapolis nella notte di domenica: il ragazzo, probabilmente a bordo di un'auto rubata, non si era fermato ad uno stop e anzi aveva accelerato per scappare.

TENTANO DI STUPRARLA MENTRE PASSEGGIA AL PARCO: IL SUO CANE EROE MORDE IL MANIACO E LA SALVA






A salvarla dalla violenza sessuale è stato il suo miglior amico: il cocker che stava portando a spasso. E' successo a Milano, dove una 37enne passeggiava insieme al suo cane al parco Lambro quando è stata abbordata da un cingalese 21enne che ha iniziato a palpeggiarla. Ma il cane non ha esitato a reagire: ha graffiato l'uomo e tentato di morderlo, permettendo alla sua padrona di divincolarsi e chiamare la polizia. Il cingalese è poi stato fermato poco dopo su una panchina in via Licata, accanto a una struttura abbandonata. Era scalzo, aveva un arrossamento all'avambraccio dovuto al morso e graffi sulle gambe. La 37enne è stata portata all'ospedale Niguarda dove le hanno riscontrato tre giorni di prognosi per lo stato di agitazione.

Fonte: leggo

mercoledì 5 agosto 2015

Alessio non ce l’ha fatta, stroncato dal male a 15 anni, strazio degli amici








SALZANO - Alessio Bellato non ce l'ha fatta. Il quindicenne di Scorzè è morto martedì all'ospedale di Treviso dopo una grave malattia, che lo aveva portato al coma.

Alessio abitava con la famiglia a Scorzè e giocava a calcio.Immenso il dolore di familiari e amici.

I funerali del ragazzo saranno celebrati venerdì alle 16.30nella chiesa arcipretale di Scorzè. Sarà poi seppellito nel cimitero di Robegano, in comune di Salzano, dove c'è la tomba di famiglia.


sabato 1 agosto 2015

Usa, lascia la figlia di due anni in auto e va a fare la spesa. Poliziotto rompe il vetro e la salva/VIDEO







Ha lasciato la figlia di due anni in auto ed è andata a fare la spesa al centro commerciale. Un passante ha sentito la piccola piangere e viste le alte temperature ha provato ad aprire la macchina ma non riuscendoci ha chiamato la polizia. Un agente ha così rotto un finestrino liberando la bimba, provata e in lacrime. La madre, una volta tornata, ha provato a chiedere scusa ma la poliziotta che teneva in braccio la piccola le ha risposto: «Nessuna scusa, poteva morire». La donna è stata fermata e denunciata, mentre la bambina è stata affidata al padre. La scena è stata filmata da un testimone a Hackensack, in New Jersey. Il video è stato caricato su Facebook da Rafael Rodriguez II