domenica 14 giugno 2015

Cina, Abbandonati dai genitori, quattro fratellini si suicidano.









Un maschio e tre femmine tra 5 e 13 anni vivevano da soli in un villaggio: i genitori erano migrati per andare a lavorare in città e tornavano a casa una volta l’anno
Li ha trovati un prozio: uno accanto all’altro, morti. I quattro fratellini, tra i 5 e i 13 anni, vivevano da soli in un villaggio vicino alla città di Bijie, nella provincia sud occidentale di Guizhou, una delle più povere della Cina. Avevano bevuto del pesticida. Secondo la polizia quasi sicuramente non è stato un incidente, ma suicidio. I bambini, un maschio e tre femmine, vivevano da soli, perché i genitori sono lavoratori migranti, fanno parte di quell’esercito di circa 300 milioni di cinesi che hanno lasciato la campagna per le fabbriche nelle città. Tornano al paese solo una volta l’anno, per il Capodanno lunare, e non si possono permettere di portare i figli con loro. Così, nella Cina seconda potenza economica del mondo, le statistiche ufficiali dicono che sono almeno 60 milioni i minori che vivono separati dai genitori emigrati. Un terzo è seguito dai nonni, l’11% dai vicini del villaggio o altri parenti. Ma almeno due milioni di bambini vengono semplicemente abbandonati e corrono il rischio di cadere vittime di abusi, maltrattamenti, traffico di esseri umani.





Nessun commento:

Posta un commento